Home » Archivio per Categoria » Rubriche » Amarcord tra Cent’Anni

“Amarcord tra cent’anni”: l’ultima puntata nella riconquista del tempo

“Amarcord tra cent’anni”: l’ultima puntata nella riconquista del tempo

Cari lettori, il pennino, la stilografica, il calamaio, la boccetta dell’inchiostro. Sono solo una mano che scrive, il pennino che verga la carta, l’inchiostro che cade… Segno, carezza o tempo non si sa. Tempo che va. Via… Siamo nell’era internet ormai, il pennino non c’è più (la tastiera ha preso il suo posto) ed il […]

Se una notte d’inverno, un viaggiatore… la penultima puntata di Amarcord

Se una notte d’inverno, un viaggiatore… la penultima puntata di Amarcord

Cari lettori, se una notte d’inverno un viaggiatore… Se una notte d’inverno un viaggiatore decidesse che le lettere che formano parole nevicano sulla pagina come fiocchi un pochino strani e neri ma pur sempre fiocchi… Un imprevisto come questo non ci voleva proprio. Le righe che state vedendo, come i sicuri binari di una lettura […]

La strana libertà cercata dalla mente di Marguerite Yourcenar

La strana libertà cercata dalla mente di Marguerite Yourcenar

Cari lettori, Elle est retrouvée! Quoi? l’éternité. C’est la mer allée Avec le soleil Volutamente ambiguo o citazione letteraria? Dove finisce la poesia di Rimbaud e dove comincia il romanzo incompiuto di Marguerite Yourcenar? Il mare è per eccellenza il posto dove ci si può perdere e non è un caso che la poesia di […]

Palomar di Calvino, e quelle salumerie che non esistono più

Palomar di Calvino, e quelle salumerie che non esistono più

Cari lettori, Palomar, si sa, è un uomo molto analitico. Ci ha abituati ai suoi silenzi alle sue meditazioni alla sua tendenza ad osservare la realtà che lo circonda con una precisione quasi maniacale a volte. Osservare un onda del mare tentando di isolarla dalle altre. Il sole che si riflette sul mare, formando una […]

Piove sempre sul bagnato delle cause perdute. A meno che…

Piove sempre sul bagnato delle cause perdute. A meno che…

Cari lettori, Piove. Sul Parlamento. Su Via Solferino. Qualche goccia sulla Redazione di Italia Post, anche. Non preoccupatevi, lettori, nessuna tempesta, nessuna bufera. Le previsioni, quelle meteo, erano tutte sbagliate. Quelle di Eugenio Montale, invece, erano perfette. Piovevano parole, alcune svuotate di significato. Oggigiorno il silenzio è assordante. Piovevano scioperi generali, erano gli anni settanta, […]

L’inesauribile segreto degli ultimi poeti (e poetesse) rimasti a questo mondo

L’inesauribile segreto degli ultimi poeti (e poetesse) rimasti a questo mondo

Cari lettori, Vi arriva il poeta e poi torna alla luce con i suoi canti e li disperde. Di questa poesia mi resta quel nulla di inesauribile segreto. È il “porto sepolto” di Giuseppe Ungaretti, come certamente avrete riconosciuto. Il porto è l’approdo di ogni navigazione. Una simbolica Atlantide, dopo una discesa agli inferi. Dopo […]

Eri proprio tu, con la tua scienza esatta dell’informatica, senza amore, senza spirito…

Eri proprio tu, con la tua scienza esatta dell’informatica, senza amore, senza spirito…

Cari lettori, “Sei ancora quello della pietra e della fionda, uomo del mio tempo”. Eri alla tua postazione, con lo schermo sottile, il pc tutto nero,t’ho visto – davanti allo schermo, alla tastiera, alle mouse. T’ho visto: eri proprio tu, con la tua scienza esatta dell’informatica, senza amore, senza spirito. Hai navigato ancora, come sempre, […]

Quella scomparsa di Majorana c’insegnò anche il senso di responsabilità

Quella scomparsa di Majorana c’insegnò anche il senso di responsabilità

Cari lettori, la scomparsa di Majorana, si sa, fu indagata meravigliosamente da quel “detective” letterato che era Leonardo Sciascia. Con intento quasi giornalistico si documenta, cerca di ricostruire i fatti, osserva sotto la lente di ingrandimento gli accadimenti di quella lontana sera del 25 marzo 1938. Ettore Majorana, all’epoca trentunenne, si imbarca a Napoli. È […]

Bisognava che pur cambiasse qualcosa perché tutto rimanesse come prima

Bisognava che pur cambiasse qualcosa perché tutto rimanesse come prima

Cari lettori, Le fibre ottiche, i laser… Il principe Fabrizio di Salina era un uomo colto e sapeva che, cento anni prima di lui, nel ’700, nei paesi scandinavi esisteva un’allora modernissimo sistema di torri e fari che trasmettevano impulsi luminosi anche a chilometri di distanza. Erano usati per quelle che già allora si chiamavano […]

Il vero apprendistato è quello che insegna ad essere maestri di se stessi

Il vero apprendistato è quello che insegna ad essere maestri di se stessi

Cari lettori, cosa te ne fai della barba bianca, di una folta barba bianca? Mica è saggezza. Mica la vecchiaia è per forza saggezza. Se hai il peso nel cuore. Se non sai come volare. Cosa te ne fai della barba bianca? Siamo su una zattera in mezzo al mare. Siamo alla ricerca ed in […]